Vittima facile

Bari. Vincenzino ha sempre saputo che per essere reclutati dalla criminalità organizzata occorre dimostrarsi capaci di imprese eccezionali. Sono mesi che Vincenzino mette a segno dei colpi: ruba, rapina, taglieggia, proprio come un grande. Vincenzino ha ormai diciassette anni, la sua smania di entrare nei ranghi di una grande organizzazione criminale ha raggiunto il parossismo. Vincenzino studia un ultimo colpo, clamoroso, che lo porterà sulla bocca di tutti; un colpo che gli permetterà di entrare nell’organizzazione dalla porta principale.
Vincenzino rapisce Francesca, la figlia di un uomo molto ricco. Vincenzino non sa che la grande criminalità ha cambiato volto e modi di agire, soprattutto non sa che il padre di Francesca è uno dei capi dell’organizzazione di cui vorrebbe far parte…
Breve, incisivo, eppure appassionante come un’opera di respiro, Vittima facile è il primo libro della trilogia Atlante freddo che proseguità con Rosa piccola.

Il capito iniziale di Atlante freddo l'ho ambientato a Bari. È una città che conosco poco, ma me ne serviva una nella quale la presenza di criminalità organizzata fosse così forte, radicata e rispettata da costituire un punto di arrivo, e il farne parte un'ambizione da nutrire.
Avevo letto su un giornale la notizia dell'arresto di un ragazzo. Lui aveva confessato una serie di piccoli furti con l'esigenza di farsi notare, di dimostrare la propria bravura agli occhi delle organizzazioni criminali. L'ho trovata un'idea folgorante per una storia. Da lì è nato Vincenzino.
Vincenzino, il protagonista di
Vittima facile, è un giovane malavitoso. L'apprendistato lo ha fatto, gli esami all'università della strada li ha dati tutti, ed è sempre stato promosso. Gli manca il pezzo di carta, la laurea, quel biglietto da visita che solo l'appartenenza a un clan può garantire.
Vincenzino vuole "essere assunto" dalla criminalità organizzata, come l'anonimo protagonista di quel fatto di cronaca che avevo letto. Sa che solo le organizzazioni criminali gli possono garantire la sua fetta di futuro. Non sa che le stesse organizzazioni criminali, almeno quelle della sua città sono in crisi, vivono un momento di passaggio altamente drammatico, e per sopravvivere devono venire a patti con le cosche straniere, più ricche, potenti, spietate.

Vittima facile è la storia del rapimento di una persona sbagliata, ed è anche il ritratto di una città insofferente, che ha voglia di cambiare e si aggrappa alla speranza di avere trovato il modo per farlo. È la storia, claustrofibica e spietata, di illusioni che si nutrono a catena. E di Chiara, una ragazzina che viene a trovarsi dentro un meccanismo talmente più grande di lei da lasciarle una via di fuga.

Editrice Zona
Pagine 128
fuori catalogo
 > scheda
recensioni
leggi un estratto
libri
Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, utili al funzionamento delle pagine web. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookies, consulta la nostra Informativa. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "chiudi" acconsenti all'uso dei cookie.