Gaijin!

Regia di Maurizio Spicuzza
Con Monica Andolina, Rosario Costanza, Massimo D’Anna, Francesco Gulizzi, Rosario Palazzolo, Anton Giulio Pandolfo, Giada Robbiano, Stefania Sperandeo.
Coreografie e danzatrice: Alessandra Barbiera.
Assistente alla regia: Rosario Costanza.
Scene e costumi: Lilia Chifari.
Luci: Ivan Raia.
Fonica: Francesco La Monica.
Musiche originali: Vincenzo Biondo.
Disegni di scena: Onofrio Catacchio.

Prima nazionale:
Palermo, Teatro Orione, 22 marzo 2006

"Io sono vivo, voi siete morti"
Philip K. Dick

Gaijin è la parola con cui la lingua giapponese indica lo straniero. È un termine vagamente razzista, che include il disprezzo per il forestiero, l’ospite indesiderato, l’estraneo.
Non è raro sentirsi gaijin nel mondo in cui si vive: è una sensazione vaga, non sempre definibile, comunque confusa. Succede sia davanti a fatti che non sappiamo spiegarci, sia nei confronti di altri che comprendiamo e ci fanno ribrezzo.
L’effetto cambia: a volte faremmo l’impossibile per prolungare l’incanto, a volte chiudiamo gli occhi e vagheggiamo una deviazione traumatica, sanguinaria.
Gaijin! è la rappresentazione di questo straniamento, la raffigurazione degli esiti che può generare: un prologo, tredici scene e un monologo conclusivo per un spettacolo dal quale non si esce come si era entrati.

La Compagnia del Tratto
2006
 > scheda
recensioni
teatro
Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, utili al funzionamento delle pagine web. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookies, consulta la nostra Informativa. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "chiudi" acconsenti all'uso dei cookie.